.
Annunci online

lucianoconsoli

lucianoconsoli

In ricordo di Ellacuria



A vent'anni esatti dall'assassinio di padre Ignacio Ellacuria, di altri cinque suoi confratelli e di due donne, il Presidente de El Salvador Mauricio Funes, eletto con la coalizione del Fronte Farabundo Martì ricorda i martiri con la massima onorificienza nazionale. Noi lo ricordiamo con Emanuele Maspoli e un suo recente libro.
pubblicato da lucianoconsoli il 18/11/2009 alle 5:45
permalink      Versione per la stampastampa      Leggi i commenti e commenta questo post commenti (0)
del.icio.us   technorati   oknotizie  facebook
tags: ellacuria el salvador mauricio funes america latina luciano consoli red tv cafè latino

L'erede di Mons. Romero


 
Dopo circa due mesi dalle elezioni, ieri ha giurato Mauricio Funes come nuovo Presidente de El Salvador. Nel suo discorso, durato 45 minuti, ha definito il suo governo come un "cambio strutturale". Ed è proprio così, infatti El Salvador ha patito 30 anni di feroce dittatura, e come per il Paraguay, caduto il carnecife è stato governato per altri 15 anni dallo stesso partito. Insomma come se il partito nazionale fascista avesse governato l'Italia altri 15 anni dopo la caduta di Mussolini. Ma la grande novità di ieri è anche un'altra. Nel suo discorso Funes ha chiarito quale sarà la sua collocazione internazionale. "Obama e Lula saranno i miei referenti" titolano oggi i giornali e poche ore dopo l'investitura il suo ministro degli esteri ha firmato con il vice di Raul Castro un accordo per ristabilire le relazioni tra i due paesi interrotti nel 1962. Insomma, a poco è servita la presenza di Ortega che invitava Funes ad aderire al fronte dei paesi Chavisti. L'ex giornalista della CNN adesso presidente del "giardino dei caraibi" sembra avere le idee chiare. Non ha parlato di socialismo ne di bolivarismo ma di progressismo e di "unità regionale di tutti i fratelli del centro e sud america" nella loro diversità ma con la condivisione dei principi della democrazia. Ha citato solo Barak Obama ( reinventare la speranza) e il suo "amico personale" Lula da Silva (ridistribuire la ricchezza del mondo). Ma il passaggio veramente emozionante è quando ha citato il "suo maestro e guida spirituale " Monsignor Romero. Per chi non lo ricordasse, il 24 marzo 1980, mentre stava celebrando l'Eucaristia nella cappella dell'ospedale della Divina Provvidenza, Mons. Romero venne ucciso da un sicario con un colpo al cuore. Nell'omelia aveva ribadito la sua denuncia contro il governo di El Salvador, che aggiornava quotidianamente le mappe dei campi minati mandando avanti bambini che restavano squarciati dalle esplosioni. Quando Funes ha fatto il nome del martire tè scattato un applauso liberatorio, tutti in piedi e le lacrime agli occhi. E' stata veramente una data storica per El Salvador, ma non solo. Un altro popolo riprende il cammino per costruire il proprio futuro.
pubblicato da lucianoconsoli il 2/6/2009 alle 9:38
permalink      Versione per la stampastampa      Leggi i commenti e commenta questo post commenti (1)
del.icio.us   technorati   oknotizie  facebook
tags: cuba lula obama el salvador funes mons. romero

El Salvador alla svolta



 Oggi è un bel giorno per tutti i democratici e liberali. Ieri si sono svolte le elezioni Presidenziali nel piccolo Stato centro americano di El Salvador e i circa 6,5 milioni di salvadoregni hanno scelto di cambiare.  

Mauricio Funes, candidato del fronte Farabundo Marti per la libertà nazionale, o Fmln, ha ottenuto il 51,3% dei voti contro il 48,7 andato al partito conservatore di governo, Arena.

Si tratta di una vittoria storica per la sinistra in un paese in cui è ancora vivo il ricordo della guerra civile protrattasi dal 1980 al 1992 in cui sono morte 75.000 persone, molte delle quali uccise dagli squadristi di destra, le famigerate Brigate della Morte, ispirate e organizzate dal dittatore D'Aubuisson, del partito Arena, fino a ieri al potere ininterrottamente. Pensate che a questo mascalzone, dopo la pace del 1992 fu concessa l'amnistia e il titolo di "figlio meritevole de El Salvador" anche se erano state accertate le sue responsabilità quale mandante dell'assassinio dell'Arcivescovo Oscar Romero.

Centinaia di sostenitori dell'Fmln sono scesi in piazza a festeggiare la vittoria abbracciandosi e lanciando fuochi d'artificio nella capitale. Il mio cuore è con loro. una nuova speranza si accende in Centro America. Mauricio Funes è un giornalista, ha lavorato per la CNN, non è un estremista. Questa vittoria non è solo una festa per El Salvador ma rappresenta un ulteriore passo avanti per il mio amico Alvaro Colom, Presidente del Guatemala con cui confina. 

pubblicato da lucianoconsoli il 16/3/2009 alle 10:22
permalink      Versione per la stampastampa      Leggi i commenti e commenta questo post commenti (1)
del.icio.us   technorati   oknotizie  facebook
tags: El salvador Mauricio Funes Alvaro Colom Guatemala Oscar Romero
Sfoglia ottobre        gennaio
lucianoconsoli

Creative Commons License
Le foto dell'autore presenti in questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons che ne impedisce l'utilizzo per fini commerciali.

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Feed ATOM di questo blog


Ultimi commenti
3/15/2014 4:54:46 PM
un ricordo e un consiglio - Buenas días.Mi nombre es Carlos Ignacio Zenteno Corona y le escribo de la productora Quetzal Films, ...
5/12/2011 9:24:21 AM
giù le mani da Real de Catorce - caro signor Consoli,mi perdoni se le scrivo qui ma non ho trovato un suo indirizzo mail. sono un ...
5/4/2011 7:38:05 PM
Bin Laden "terminato" - Buongiorno, chiedo scusa per l'intromissione e per l'OT, ma vorrei fare una domanda: potrebbe ...
1/20/2011 1:44:00 PM
Cuba: rimossi due ministri per "errori e deficienze" - ciao cugino..sono Claudio..un abbraccio e buon compleanno..e viva Nonno Peppe
12/6/2010 4:34:15 AM
Altro che bottegai. - The indices and rim of the stop replica watches abnormal punch - at the six o'clock position - are ...
In onda su RED

www.redtv.it
Cerca
Calendario