.
Annunci online

lucianoconsoli

lucianoconsoli

La OEA scende in campo

Le notizie di queste ore fortunatamente si stanno dimostrando false: non ci sono ne morti ne feriti negli scontri intorno alla  residenza presidenziale di Tegucigalpa. Telesurtv ha invece lamentato il momentaneo fermo di una sua corrispondente che è stata poi rilasciata. Di grande interesse invece la dichiarazione di Josè Miguel Insulza, segretario generale dell'OEA (organizzazione degli stati americani). Insulza riaffermando il pieno appoggio a Zelaya e la necessità che tutta la comunità internazionale mantenga "l'isolamento politico e diplomatico" verso il nuovo governo dell'Honduras ha aggiunto: "Il grave in questo momento non sono i motivi che sono dietro alla crisi. Il problema principale è che si è ricorso ad un golpe e questo è un grave errore che si deve risolvere per via civile. Non possiamo accettare più golpe di nessun tipo." Al di là del linguaggio diplomatico Insulza stà lanciando un messaggio sia a Zelaya che a Micheletti: se avete questioni costituzionali nel vostro paese risolvetele in via civile, con i tribunali, ma non sognatevi di far tornare l'america latina al periodo dei golpe militari. E Insulza aggiunge di essere disponibile a riaccompagnare Zelaya personalmente e "fisicamente" in Honduras. Mi sembra che la responsabilità stia prevalendo e anche la verità. Auguriamoci sempre che qualche mestatore e provocatore non cerchi il morto.
pubblicato da lucianoconsoli il 30/6/2009 alle 3:30
permalink      Versione per la stampastampa      Leggi i commenti e commenta questo post commenti (0)
del.icio.us   technorati   oknotizie  facebook
tags: Honduras OEA. Insulza Zelaya Micheletti

In diretta da Tegucigalpa

Alcuni amici del web con cui sono in contatto a Tegucigalpa, capitale dell'Honduras, mi riferiscono di alcune centinaia di sostenitori di Zelaya che hanno bloccato con barricate le strade addiacenti alla residenze del Presidente. Dopo la giornata di ieri abbastanza tranquilla oggi le autorità hanno deciso di intervenire per rimuovere i blocchi stradali e ci sono stati alcuni scontri ma non di grande entità. I giornali sono usciti regolarmente e tre emittenti televisive continuano a trasmettere. Non si ha notizia di chiusura di nessun mezzo di comunicazione e i corrispondenti stranieri, tra cui quelli della CNN sono sul luogo e riferiscono di una certa facilità nel reperire notizie sia dalle autorità che dagli oppositori. Il nuovo Presidente Marcheletti ha oggi nominato alcuni ministri del suo nuovo governo e tra questi ne ha riconfermati due del governo di Zelaya. Telesur, l'emittente venuezelana e la CNN en espanol trasmette le immagini anche degli oppositori e dell'esercito che si confrontano e fino ad ora almeno non si ha notizia di morti o feriti. Internet funziona e non è stata disattivata, anzi i corrispondenti trasmettono da Tegucigalpa in Banda Larga i loro servizi audio e video. Sembra che il nuovo governo stia facendo di tutto per riportare l Paese ad una normalità, anche se la ferita non sarà facilmente rimarginabile. Alcuni settori degli intellettuali honduregni con cui sono entrato in contatto sostengono che la soluzione migliore sarebbe quella di un ritorno di Zelaya a condizione che si sottoponga al giudizio di una corte internazionale per le violazioni alla Costituzione che gli altri poteri costituzionali gli imputano. Risulta evidente che anche questi altri poteri hanno violato la Costituzione e quindi l'impegno dovrebbe essere reciproco. Temo che sia una soluzione molto complicata anche se ragionevole. Infatti più passano le ore e più appare chiaro che Zelaya era incorso in numerose violazioni ma purtroppo invece di chiamarlo a giudizio la Corte Suprema e il Congresso hanno preferito arrestarlo e deportarlo, violando anch'essi la Costituzione. Vediamo se il buon senso prevarrà, ma il rischio è che ci scappi il morto e allora tutto sarà più difficile.
pubblicato da lucianoconsoli il 30/6/2009 alle 1:21
permalink      Versione per la stampastampa      Leggi i commenti e commenta questo post commenti (0)
del.icio.us   technorati   oknotizie  facebook
tags: Honduras Zelaya tegucigalpa

Castro sull'Honduras

A freddo, con le poche notizie che arrivavano dall'Honduras, ieri mi ero permesso di parlare di un doppio golpe, uno del Presidente Zelaya e l'altro dei tre organi costituzionali del Paese. E avevo anche previsto che come falchi Chavez e Castro si sarebbero gettati sul ricco boccone. Oggi in Honduras i giornali sono usciti regolarmente annunciando l'elezione di Roberto Micheletti e riportando il suo programma di convocare subito le elezioni per il 29 novembre. Ma per completezza di informazione vale la pena leggere l'articolo apparso oggi su Granma a firma Fidel Castro Ruiz. E' talmente frastornato da dover prendere atto che la Clinton ha condannato la prova di forza, ma non smette di insultare l'Organizzazione degli Stati Americani (OEA) dove siedono quei pochi che ancora gli parlano. Lascio a voi giudicare se i cubani si meritano questo tipo di informazione. Ma la domanda è sempre la solita: che fine ha fatto il fratellino Raul? Non aveva passato a lui tutti i poteri?

Riporto il testo così come tradotto (male) sul sito ufficiale di Granma.

LE RIFLESSIONI DEL COMPAGNO FIDEL

Un errore suicida

Nella riflessione scritta la notte del giovedì 25, tre giorni fa, ho detto  "Non sappiamo che cosa accadrà stanotte o domani in Honduras, ma il comportamento valoroso di Zelaya passerà alla storia."

Due paragrafi prima avevo segnalato: 

 “Quello che accadrà sarà una prova per la OEA e per l'attuale amministrazione degli Stati Uniti."

Il giorno successivo, la preistorica istituzione interamericana si riuniva a Washington e in una spenta e tiepida risoluzione, ha promesso di svolgere   immediatamente le pratiche pertinenti per cercare un'armonia tra le parti in lotta. Cioè, una negoziazione tra i golpisti ed il Presidente Costituzionale dell’Honduras.

L'alto capo militare che continuava alla testa delle Forze armate honduregne, faceva pronunciamenti pubblici in differenza con le posizioni del Presidente, intanto riconosceva la sua autorità in modo meramente formale.

I golpisti non avevano bisogno di un'altra cosa dalla OEA. Gli importava poco la presenza di un gran numero di osservatori internazionali che si erano spostati al suddetto Paese per dare fede di una consultazione popolare, con i quali Zelaya ha parlato fino a notte inoltrata. Oggi, prima dell'alba  circa 200  soldati professionisti, ben allenati e armati, sono stati lanciati contro la residenza del Presidente, i quali, allontanando rudemente la squadra della

Guardia di Onore, hanno sequestrato  Zelaya che dormiva in quello momento, l’hanno portato alla base aerea, l’hanno fatto salire per la forza in un aereo e l’hanno trasportato a un aeroporto della Costa Rica. 

Alle ore 8 e 30 del mattino, abbiamo conosciuto da TeleSur la notizia dell'assalto alla Casa Presidenziale e il sequestro. Il Presidente non ha potuto partecipare all'atto iniziale della consultazione popolare che si sarebbe tenuta questa domenica. S’ignorava quello che avevano fatto con lui.

La stazione di televisione ufficiale è stata taciuta. Desideravano ostacolare la divulgazione prematura della traditrice azione attraverso TeleSur e Cubavisión

Internazionale che informavano sui fatti. Hanno sospeso, quindi, i centri di trasmissione e perfino hanno tolto l'elettricità a tutto il Paese. Il Congresso e gli alti tribunali coinvolti nella cospirazione non avevano ancora pubblicato le decisioni che giustificavano la congiura. Per primo hanno portato a termine l'inqualificabile colpo militare e dopo l’hanno legalizzato.

Il popolo si è svegliato con i fatti consumati e ha cominciato a reagire con crescente indignazione. Non si sapeva il destino di Zelaya. Tre ore più tardi, la reazione popolare era tale che si è visto delle donne battendo con il pugno i soldati, i cui fucili cadevano quasi delle loro mani per mero sconcerto e nervosismo. Inizialmente i loro movimenti sembravano quelli di un bizzarro combattimento contro fantasmi, più tardi tentavano di coprire con le mani le cineprese di TeleSur, miravano tremuli i loro fucili contro i reporter, e a volte, quando la gente andava avanti, i soldati venivano in dietro. Hanno inviato veicoli blindati con cannoni e mitragliatrici. La popolazione discuteva senza paura con le dotazioni dei blindati;  la reazione popolare era sorprendente.

Circa alle ore 2 pomeridiane, in coordinamento con i golpisti, una maggioranza addomesticata del Congresso ha destituito Zelaya, Presidente Costituzionale dell’Honduras, e ha nominato un nuovo Capo di Stato, affermando al mondo che quello  aveva rinunciato, presentando una firma falsificata. Alcuni minuti dopo, Zelaya, da un aeroporto della Costa Rica, informava di quanto accaduto e smentiva categoricamente la notizia della sua rinuncia. I cospiratori hanno fatto una figuraccia davanti al mondo.

Molte altre cose sono successe oggi. Cubavisión si è dedicata interamento a smascherare il colpo, informando continuamente la nostra popolazione.

Dei fatti nettamente fascisti si sono verificati, e anche se gli aspettavamo, ci hanno comunque stupito.

Patricia Rodas, ministro degli Affari Esteri dell’Honduras, è stata, dopo Zelaya, l'obiettivo fondamentale dei golpisti. Un altro distaccamento è stato inviato alla sua residenza. Lei, coraggiosa e decisa, a agito velocemente,  non ha perso neanche un minuto per denunciare il colpo per tutte le vie possibili.

Il nostro ambasciatore aveva  contattato Patricia per conoscere la situazione, così come altri ambasciatori. A un certo punto ha chiesto ai rappresentanti diplomatici del Venezuela, Nicaragua e Cuba di riunirsi con lei che, ferocemente assillata, aveva bisogno di protezione diplomatica. Il nostro ambasciatore, che dal primo momento era stato autorizzato da offrire il massimo appoggio al Ministro costituzionale e legale, è andato a visitarla alla sua residenza.

Quando erano già nella sua casa, il comando golpista ha inviato il maggiore Oceguera per arrestarla. Loro si sono messi davanti alla donna e hanno detto che era sotto la protezione diplomatica, e che solo si poteva muovere in compagnia degli ambasciatori. Oceguera discute con loro e lo fa rispettosamente. Poco dopo entrano nella casa 12  o 15 uomini in divisa ed incappucciati.

I tre ambasciatori si abbracciano a Patricia;  gli incappucciati agiscono in modo brutale e riescono a separare gli ambasciatori del Venezuela e Nicaragua;  Hernández l’ha presso tanto fortemente per uno delle braccia che i mascherati hanno trascinato loro fino a un furgoncino;  gli portano alla base aerea, dove riescono a separarli, e gliela portano via. Stando lì detenuto, Bruno, che aveva notizie del sequestro, si comunica con lui attraverso il telefonino;  un mascherato tratta di strappargli rudemente il telefonino;  l'ambasciatore cubano che era stato già battuto a casa di Patricia, gli grida:  Non mi spingere, coglione! Non ricordo se la parola che ha pronunciato sia stata utilizzata qualche volta da Cervantes, ma senza dubbio l'ambasciatore Juan Carlos Hernández ha arricchito la nostra lingua.

Poi l’hanno lasciato in una strada lontano dalla missione e prima di abbandonarlo gli hanno detto che, se parlava, poteva succedergli qualcosa di peggio. "Niente è peggiore della morte!", gli ha risposto con dignità, "e non per quello ho paura di voi. I vicini della zona l'hanno aiutato a ritornare all'ambasciata, da dove si è comunicato subito, un'altra volta, con Bruno. 

Con quell'alto comando golpista non si può negoziare, bisogna esigergli la rinuncia e che altri ufficiali più giovani e non compromessi con l'oligarchia occupino il comando militare, o non ci sarà mai un governo "con popolo, dal popolo e per il popolo" in Honduras.

I golpisti, messi alle strette e isolati, non hanno salvazione possibile se si confronta con fermezza il problema.

Perfino la signora Clinton ha già dichiarato nel pomeriggio che Zelaya è l'unico Presidente dell’Honduras, e i golpisti honduregni non possono neanche respirare senza l'appoggio degli Stati Uniti.

In camicia da notte fino ad alcune ore fa, Zelaya sarà riconosciuto dal mondo come l'unico Presidente Costituzionale del Honduras.

Fidel Castro Ruz

pubblicato da lucianoconsoli il 29/6/2009 alle 21:58
permalink      Versione per la stampastampa      Leggi i commenti e commenta questo post commenti (0)
del.icio.us   technorati   oknotizie  facebook
tags: Honduras Cuba Fidel Castro Raul Castro Manuel Zelaya

Honduras: golpe su golpe

Quello a cui stiamo assistendo in Honduras non è un golpe di Stato, ma ben due illegalità che si sovrappongono e minacciano la fragile unità raggiunta nel continente latino americano in questi ultimi mesi. Vediamo i fatti: il Presidente eletto Manuel Zelaya propone un referendum popolare che si doveva tenere proprio oggi, 28 giugno 2009, per cambiare la Costituzione dell’Honduras in modo da poter eliminare l’impossibilità di rielezione per più mandati allo stesso Presidente. Esattamente quello che ha fatto qualche mese fa il suo protettore e gran elemosiniere di petrolio Hugo Chavez. Il Congresso dello Stato ( il Parlamento eletto ) non appoggia la proposta del Presidente e all’interno dello stesso partito di Zelaya molti si dichiarano contro. Il Tribunale Supremo Elettorale dichiara illegittima la consultazione referendaria e si appella alla Corte Suprema della Fiscalità ( che presiede all’applicazione delle leggi) che da ragione al Tribunale Elettorale. Ma Zelaya si appella al popolo e tira dritto sostenendo in un recente comizio che bisognava passare dalla democrazia rappresentativa a quella partecipativa, mettendo in discussione quindi anche il Congresso dei deputati eletti dal popolo. A questo punto il Presidente, come capo supremo dell’esercito ordina al capo di Stato Maggiore dell’esercito di procedere con la preparazione del referendum. Il Capo di Stato maggiore si rifiuta e Zelaya lo destituisce. A questo punto lo stesso Ministro della Difesa del governo del Presidente Zelaya si dimette e la Corte Suprema di Giustizia ordina il reintegro del capo di Stato Maggiore dell’esercito.  Un vero e proprio scontro istituzionale che vede da una parte il Presidente che chiede la rielezione e il cambio di Costituzione e tutti gli altri organi costituzionali dall’altra. In una democrazia solida si sarebbe avviato un processo di messa in stato d’accusa del Presidente, un Impeachment insomma che avrebbe chiarito le posizioni e salvato la democrazia. Ma l’Honduras è una giovane democrazia e il referendum incalzava e così nella notte prima delle elezioni, su ordine della Suprema Corte di Giustizia, l’esercito esce dalle caserme, arresta il Presidente e lo deporta nella vicina Costarica. Poche ore dopo, mentre da Tegucigalpa, capitale del Costarica, Zelaya in una conferenza stampa si dice ispirato dalla “voce di Dio e del popolo” ( ricorda purtroppo anche questo il nostro unto dal signore), il congresso dei deputati dell’Honduras, all’unanimità, dichiara destituito Zelaya e elegge il nuovo Presidente nella persona di Roberto Micheletti, Presidente del Congresso stesso. Chavez prende la palla al balzo e fa il suo show, dichiarando che è colpa degli americani, ma quando Obama si dice preoccupato e Hillary Clinton e Dan Restrepo, responsabile della Casa Bianca per l’America latina, dichiarano che deve essere ristabilita la legalità e che nel bene e nel male gli USA non interverranno, allora Chavez ci ripensa e minaccia di guerra l’Honduras se non rilasciano il suo Ambasciatore (che ovviamente nessuno ha toccato). Insomma la sintesi è la seguente: Zelaya ha commesso un delitto contro la Costituzione (art. 4, 321, 322 e 323 della stessa che proibisce a chiunque, anche al Presidente, di disobbedire ai tre poteri, legislativo,esecutivo e giudiziario), ma i tre poteri hanno commesso un delitto facendo intervenire l’esercito, occupando il palazzo presidenziale e destituendo il Presidente senza regolare imputazione e giudizio. Insomma una brutta storia che ci riporta indietro di tanti anni e da fiato alle ali più populiste e demagogiche del continente latino americano. E ovviamente non poteva mancare il prode Fidel redivivo, dopo aver fatto ammalare per punizione il fratellino Raul.

pubblicato da lucianoconsoli il 29/6/2009 alle 3:22
permalink      Versione per la stampastampa      Leggi i commenti e commenta questo post commenti (0)
del.icio.us   technorati   oknotizie  facebook
tags: hillary clinton obama fidel castro hugo chavez honduras costarica zelaya

Il dito di Fidel



Il vecchio Castro non si arrende e adesso punta il suo lungo dito contro il fratello, reo di pensare diversamente da lui, anche se formalmente ha ceduto tutti i poteri. Speriamo che non faccia fare al fratello la fine che ha fatto fare ai tanti eroi della rivoluzione cubana che ebbero l'ardire di pensare. Quello che riporto è un testo di denuncia molto ben documentato che prende le mosse dalla nostra coraggiosa amica Yoani Sanchez.



En el blog de Generación Y, con el artículo “Nadie escucha” Yoani Sánchez ha señalado una de las llagas del régimen: ¿Qué ha pasado que Raúl no habla? Ni da explicaciones, ni plantea soluciones.

Parece que tampoco está dispuesto a hablar fuera de Cuba, donde no tendría que explicar nada sino culpar a otros de los males que aquejan al pueblo. En el peor de los casos podía hacer promesas que no se van a cumplir y sobre las cuales no tendría que dar cuentas. 

Hoy se informa que Raúl Castro no asistirá a la cumbre extraordinaria del ALBA en la ciudad de Maracay. Su presencia había sido anunciada por Hugo Chávez y en su lugar, encabeza la delegación castrista José Ramón Machado Ventura, acompañado por el vicepresidente del Consejo de Ministros, Ricardo Cabrisas, y el canciller Bruno Rodríguez. ¿Está secuestrado Raúl? Tal vez vigile una nueva gravedad del enfermo en jefe.

Es cierto, Raúl calla, o lo callan. El más notorio de sus silencios fue después de que Fidel aclaró en público que Barack Obama no había interpretado correctamente las palabras de su hermano menor. Lo que dijo Raúl era muy claro, de ninguna forma sujeto a interpretaciones. Pero a Fidel no le gustó.

El hecho es que después de la aclaración sobre lo que Obama había entendido mal, se celebró en Cuba el 1 de mayo. Raúl asistió a la manifestación - bueno es el “Presidente” - pero guardó silencio. Parece que alguien le había prohibido hablar para no tener que volver a explicar lo que allí diría.

Algo extraño también sucedió con el anuncio de Raúl sobre la celebración del Congreso del Partido, evento que se esperaba para el 2009. Hasta el momento es como si Raúl no lo hubiera ofrecido, o tal vez no sabemos que alguien aclaró que eso no era lo que Raúl había querido decir.

Podríamos continuar la lista de las cosas que Raúl ofreció públicamente pero luego han desaparecido de la agenda oficial. Es como si no hubiera dicho nada. Como si alguien tomara sus palabras y las hiciera desaparecer por arte de magia. Uno creería que en una dictadura el presidente manda. Pero es común que los presidentes de dedo no manden, manda el del dedo.

No me cabe duda, que desde que Fidel enfermó Raúl ha ido tendiendo con más libertad una red de incondicionales a su alrededor. Hasta la mujer de Fidel ha intervenido más de una vez para proteger a un favorito de segundo nivel, que estaba siendo purgado. 

Pero tampoco hay duda de que desde su cama de convaleciente, al igual que Mao Zedong antes de su muerte, Fidel insiste en dar órdenes. El hermano mayor todavía subestima y maltrata a Raúl, como en los tiempos de la Sierra Maestra y los días de Birán.


Publicado por Huber Matos Araluce en http://patriapuebloylibertad.blogspot.com/


pubblicato da lucianoconsoli il 28/6/2009 alle 3:15
permalink      Versione per la stampastampa      Leggi i commenti e commenta questo post commenti (0)
del.icio.us   technorati   oknotizie  facebook
tags: Cuba Fidel Castro Yoani Sanchez libertà di stampa

Italia come Venezuela?

Migliaia di persone in piazza oggi a Caracas per sostenere Globovision, la tv messa sotto inchiesta dal governo del presidente Hugo Chavez. I manifestanti hanno sfilato per le vie della capitale venezuelana al grido di 'giornalismo e' liberta'. Chavez ha duramente attaccato l'emittente minacciandone anche la chiusura. Golobovision e' l'unica tv del Venezuela contraria a Chavez che puo' ancora trasmettere in chiaro. Dall'altra parte della citta' migliaia di persone hanno invece manifestato in favore di Chavez sostenendo che si deve chiudere la bocca ai giornalisti contrari al regime. Non vi ricorda niente del nostro Belpaese?
pubblicato da lucianoconsoli il 28/6/2009 alle 3:4
permalink      Versione per la stampastampa      Leggi i commenti e commenta questo post commenti (0)
del.icio.us   technorati   oknotizie  facebook
tags: Chavez Berlusconi Italia Venezuela libertà di stampa

L'utilizzatore finale

In tutto questo tempo, e sono mesi oramai, non ho mai voluto scrivere ed occuparmi delle vicende del Presidente del Consiglio. Dopo le rivelazioni di ieri dell'ennesima signorina, sembra supportate da foto e registrazioni audio, l'impareggiabile avvocato deputato Ghedini ha dichiarato che qualora fossero anche vere, Berlusconi sarebbe comunque "l'utilizzatore finale" dei servizi offerti dalle bellone. Ma pensate che sia normale che a rappresentare il mio Paese e a governarlo sia un "utilizzatore finale"? Ieri sera ho ricevuto telefonate da amici sparsi per i quattro continenti che si burlavano di me e del mio Paese. All'inizio l'ho presa ridendo, poi mi sono offeso, alla fine mi sono ritrovato a difendere questa Povera Italia, offesa e vilipesa per le imprese di quel vecchio "utilizzatore finale" che la maggioranza dei miei concittadini ha eletto. Credo che milioni come me soffrano questo dualismo e questa umiliazione. Non chiediamoci poi perché tanti italiani cercano aria nuova in altre parti del mondo. Se addirittura Giuliano Ferrara questa mattina su Il Foglio invita Berlusconi a smetterla, il vecchio "utilizzatore finale" si dovrebbe proprio preoccupare e liberarci della sua presenza imbarazzante prima che sia troppo tardi. 
pubblicato da lucianoconsoli il 18/6/2009 alle 9:24
permalink      Versione per la stampastampa      Leggi i commenti e commenta questo post commenti (0)
del.icio.us   technorati   oknotizie  facebook
tags: berlusconi ghedini giuliano ferrara

A Piazza Farnese per l'IRAN

Nel 2003 ero a Il Riformista e con Polito e Velardi decidemmo di appoggiare la lotta degli studenti iraniani e lanciammo una giornata di mobilitazione. La mattina ci presentammo d'avanti all'ambasciata in via Nomentana. Eravamo pochi, con dei cartelli e poco più. Nel pomeriggio ci vedemmo a Piazza Farnese ed eravamo tanti. Conservo ancora la T-shirt che stampammo per l'occasione. Domani la indosserò e tornerò a Piazza Farnese con gli amici de Il Riformista e di Radio Radicale. Mi auguro che saremo ancora molti.
pubblicato da lucianoconsoli il 16/6/2009 alle 20:33
permalink      Versione per la stampastampa      Leggi i commenti e commenta questo post commenti (0)
del.icio.us   technorati   oknotizie  facebook
tags: iran il riformista radio radicale

Non lasciamoli soli

Per la prima volta ben 69 tra partiti, organizzazioni, cooperative e associazioni cubane hanno sottoscritto un documento comune che hanno inviato all'Unione Europea in occasione dei prossimi colloqui che si avvieranno tra questa e le autorità cubane. E' una straordinaria notizia, che certo non leggerete sui giornali, ma che segna una svolta per Cuba. Non solo per l'unità raggiunta tra tanti diverse organizzazioni, ma soprattutto per i toni del documento. Ne ho fatto una traduzione molto rapida, forse non perfetta, ma certamente sarà sufficiente per capire di cosa stiamo parlando. La nuova Cuba indica una via per la democratizzazione dell'isola, pacifica e graduale, di grande responsabilità e amore per la propria Patria. Per chi tuttora viene arrestato e represso senza complimenti, un simile atteggiamento dimostra una grande maturità. Non lasciamoli soli, e se potete divulgate il comunicato.

Mensaje a los 27

La Habana, 12 junio de 2009.

" L'Unione Europea, UE, valuterà a metà di giugno la sua messa a fuoco verso Cuba come parte della nuova politica di Dialogo Critico e Costruttivo, definita in giugno del 2008 per accordo unanime dei 27 paesi membri.  
 
Questa politica di Dialogo trattiene varie messe a fuoco dentro una strategia da normalizzazione esterna di Cuba, basata nella sua omologazione internazionale in termini di rispetto ai diritti umani, democratizzazione e pluralismo politico. Il primo di queste messe a fuoco significa incrementare il dialogo politico con le autorità cubane al più alto livello. Il secondo, attivare la cooperazione e collaborazione con Cuba in tutte le aree; il terzo, mantenere ed approfondire, anche al più alto livello, il dialogo e la cooperazione con la società civile e le comunità democratiche indipendenti, e la quarta, e finale, avanzare con le autorità cubane l'agenda globale dei diritti umani e le libertà fondamentali, quello che include il prioritario tema dei prigionieri politici e di coscienza.     
 
Le organizzazioni che sottoscrivono questo Messaggio ai 27 sono d'accordo, essenzialmente, con questo Dialogo Critico e Costruttivo nelle sue messe a fuoco e strategia. Non discutiamo l'importanza del dialogo tra l'Unione Europea e l'elite nel potere, quella che non rappresenta agli interessi della maggioranza della società, e benché fino ad ora i risultati concreti di quell'esercizio non siano stati gli attesi dalla maggioranza dei cubani e la comunità democratica globale, riconosciamo che il dialogo aperto a tutti gli attori della realtà nazionale costituisce la scommessa strategica chiave per risolvere conflitti come quello del crescente divorzio del governo cubano con la sua società, e coi modelli universali che dirigono la convivenza all'interno della maggioranza degli Stati membri delle Nazioni Unite.  
 
In realtà questo divorzio del governo cubano con Cuba, e con lo spirito e la lettera delle istituzioni globali, si è incrementato nell'ultimo anno. Repressione verso la pluralità di spazi che incoraggiano dentro la società civile, tra altri, temi tanto fondamentali come il razziale ed il sindacale; repressione verso la densa rete di sopravvivenza creata per i cubani per provvedersi di alimentazione e di altre risorse; tentativo di reinstallare pratiche razziste e discriminatorie negli hotel; rallentamento e distorsione di riforme fondamentali dalle quali dipende la sicurezza nazionale dal paese, come sono le riforme nell'agricoltura e di apertura dei servizi privati, e diniego a liberare i prigionieri politici e di coscienza, sono tutti chiari esempi delle sfide pendenti per il dialogo.  
 
Da giugno del 2008, l'UE ha avanzato visibilmente in questa direzione con le autorità cubane. A partire da questa discussione è imprescindibile, tuttavia, che l'UE approfondisca il suo avvicinamento, la sua legittimazione visibile e la sua cooperazione col tessuto della società civile cubana, quello che è essenziale per l'obiettivo strategico del nostro futuro come nazione democratica. Speriamo che l'UE estenda effettivamente, oltre alle sue relazioni con le autorità del governo, il suo aiuto ai democratici cubani, simile ai vincoli che caratterizzano le sue relazioni con la società civile nelle altre nazioni sottosviluppate.  
 
Ciò fortificherà al Dialogo Critico e Costruttivo come mezzo per un fine, e non come il fine di un mezzo. " 

Organizaciones que se adhieren al Mensaje a los 27

Reunión del Consejo de Ministros de la Unión Europea

Cuba: Evaluación del Diálogo Crítico con Gobierno cubano

1. Partido Arco Progresista

2. Partido Solidaridad Democrática

Ámbito Cívico: conformado por:

3. Grupo Mediático Consenso

4. Límite Humano

5. Comité Ciudadano por la Integración Racial

6. Club de Escritores de Cuba

7. Cubabarómetro

8. Ciudadanos por el Estado de Derecho

9. Fundación por la Libertad de Expresión

10. Red de Bibliotecas Cívicas

11. Nuevo País

12. Centro de Salud y Derechos Humanos “Juan Bruno Zayas”

13. Partido Popular Joven Cuba

14. Centro de Documentación “Jaime Guzmán”

15. ONG “Identidad por Cuba”

16. Instituto Juvenil Cristiano de Estudios Sociales

17. Movimiento Viva Cuba Libre

18. Fundación Luisa María García-Toledo

19. Delegación Nacional del Partido Republicano de Cuba

20. ONG “Mensaje de Esperanza”

21. Coordinadora Socialdemócrata de Cuba

22. Coordinadora de Presos y Expresos Políticos

23. Delegación Nacional de Unión por Cuba Libre

24. Corriente Martiana

25. Fundación Isla de Pinos de Derechos Humanos y Fomento Territorial

26. Cooperativa Independiente Ceramistas Pineros

27. Comisión de Atención a Presos Políticos y sus Familiares

28. Movimiento Liberal Cubano

29. Delegación Nacional de la FLAMUR

30. Municipios de Cuba y Derechos Humanos

31. Centro de Información Hablemos Press (CIHPRESS)

32. Consejo Nacional por los Derechos Civiles en Cuba

33. Frente Feminista Aliadas Democráticas

34. Partido Republicano Renovación Ortodoxa

35. Frente Oriental Presidio Político “Pedro Luis Boitel”

36. Alianza Fraternal Martiana

37. Frente Democrático Oriental

38. Club de Presos y Expresos Políticos

39. Comisión Nacional de Derechos Humanos “José Martí”

40. Solidaridad de Trabajadores Cubanos

41. Partido Demócrata Cristiano de Cuba

42. Movimiento Cívico “Calixto García Iñiguez”

43. Círculo Democrático Municipalista de Velazco

44. Delegación Nacional del Partido Republicano de Cuba

45. Consejo Editor de la Revista “Renacer”

46. Proyecto Cultural Pinareño “Libertad”

47. Movimiento Feminista “La Rosa Blanca de Martí”

48. Centro de Distribución de Literatura y Prensa de Velazco

49. Buró de Información y Prensa adscrito a la Coalición Juvenil Martiana

50. Grupo de Apoyo a la Democracia “Quinto Patio”

51. Delegación Pinareña de la FLAMUR

52. Delegación de Velazco del Partido Liberal Cubano

53. Alianza Nacional Cristiana

54. Partido Acción Concertadora Democrática

55. Confederación de Trabajadores Democráticos de Cuba

56. ONG “Cubanos Libres”

57. Comisión de Atención a Presos Políticos y sus Familiares

58. Sindicato Independiente Cambio Regional de Pinar del Río

59. Centro de Derechos Humanos Jan Karsky

60. Atención al Preso Político de Pinar del Río

61. Sociedad Civil y Bibliotecas Independientes de Pinar del Río

62. Sindicato Independiente de Conductores de Bicitaxis

63. Sindicato Independiente de Zapateros

64. Sindicato de Trabajadores Independientes

65. Movimiento de Resistencia y Desobediencia Cívica “Mario Chanes de Armas”

66. Comisión Nacional Cuba

67. Colegio de Pedagogos Independiente de Cuba

68. Confederación de Trabajadores Independientes

69. Biblioteca Independiente “Hermanos al Rescate”

pubblicato da lucianoconsoli il 14/6/2009 alle 21:56
permalink      Versione per la stampastampa      Leggi i commenti e commenta questo post commenti (0)
del.icio.us   technorati   oknotizie  facebook
tags: cuba

La voce della vera Cuba

Oggi un caro amico mi ha inviato un comunicato che sta girando sul web a proposito della rinuncia da parte di Fidel castro di accogliere l'invito dell'organizzazione degli stati americani a far rientrare Cuba in questo organismo internazionale. Lo riporto integralmente per chi conosce lo spagnolo ma il senso risulterà chiaro anche a chi non lo parla. Un'altra Cuba alza la voce e grida chiaro e tondo ai Castro che ormai non rappresentano più i cubani, non ne interpretano i bisogni, i desideri e le opinioni. Tra l'altro nel comunicato si legge: "Ma deve essere chiaro che la voce delle autorità dell'isola riflette solo la visione delle autorità dell'isola. L'espressione ufficiale di Cuba non coincide con l'opinione della Cuba reale. Già da molto tempo." Il documento, firmato da Manuel Costa Morúa portavove del Parp, partido arco progresista, è frutto anche di una consultazione con le altre forze progressiste, riformiste e socialdemocratiche cubane e lancia anche l'appello a tutte le organizzazioni a lavorare insieme. Sarebbe bello che ciò avvenisse e per chi ha a cuore il benessere e la libertà di questo popolo oggi può fare qualcosa di piccolo ma molto concreto: diffondere questo comunicato sul web in tutto il mondo.

 

La Habana, 9 de junio de 2009

Declaración

El partido Arco Progresista quiere reconocer y agradecer, en nombre de cientos de miles de ciudadanos cubanos, la histórica decisión de los países de las Américas de revocar la suspensión del Estado cubano de la Organización de Estados Americanos (OEA), adoptada en 1962.

Esta decisión histórica tiene el respaldo, podríamos asegurar, del setenta por ciento de los ciudadanos cubanos de la isla. Hasta el mediodía de hoy, 9 de junio, cientos de estos ciudadanos a lo largo de toda Cuba, miembros, simpatizantes o amigos del Arco Progresista, han venido mostrando su acuerdo con una reinserción que, indicativa de los nuevos tiempos que corren por nuestro hemisferio, refleja la voluntad de renovación de la OEA. En consulta con otras organizaciones y formaciones políticas cubanas, el Arco Progresista pudo captar el mismo espíritu: los cubanos se sienten complacidos con el regreso político de Cuba a su entorno político y cultural.

Y el gobierno cubano ha reaccionado. Pero debe ser claro que la voz de las autoridades de la isla solo refleja la visión de las autoridades de la isla. La expresión oficial de Cuba no coincide con la opinión de la Cuba real. Hace ya mucho tiempo. En lo que toca a la relación Estado-sociedad, el discurso del gobierno no tiene ninguna legitimidad como vehículo de las corrientes de opinión principales que circulan en todos los grupos y niveles de la sociedad cubana. Ello compromete, entre otras cosas, el tipo de relación que sostiene la comunidad internacional con Cuba. Esta dialoga, profundiza y extiende sus relaciones con un gobierno que no representa, en términos de valores, ideas, intereses e inquietudes, a los ciudadanos cubanos. Y no podría ser de otro modo porque, ¿cómo un gobierno puede expresar la voluntad y opinión de un país y de unos ciudadanos contra los que gobierna?

El divorcio explícito de las autoridades de Cuba con los cubanos viene fraguándose paso a paso a partir de 2002. Desde la reforma constitucional de ese año, que nos privó de nuestra condición básica de ciudadanos; pasando por las mieles del poder, que dejaron bien claro que las correas de mando en Cuba pertenece a los comandantes de la Sierra; hasta la reciente sustitución de los cubanos de 2009 por los cubanos de 1962, quienes constituyen menos del 10 por ciento de la población actual de la Isla, el gobierno ha institucionalizado el modelo de la “real gana” como pauta para la toma de decisiones fundamentales que comprometen nuestro presente y nuestro futuro.

Su negativa a reintegrarse a la OEA confirma este modelo. Confirma también su desorientación estratégica frente al nuevo comienzo definido por el presidente de los Estados Unidos en relación con Cuba. Una desorientación estratégica que pone de relieve la esquizofrenia de rechazar una relación fluida y mutuamente respetuosa dentro de marcos institucionales con los Estados Unidos, aferrándose al pasado, al tiempo que se fortalecen las dependencias con ese país.

Rechazar un nuevo comienzo en las Américas, a favor de una vieja subordinación económica con los Estados Unidos es muestra de la falta de visión del gobierno de Cuba.

Definir una nueva política en las Américas es imprescindible para Cuba frente a la orfandad estratégica de las autoridades de la isla. Para el Arco Progresista constituye un buen punto de partida la reinserción del Estado cubano, siempre de acuerdo con las “prácticas, propósitos y principios de la OEA”, tal y como consigna la resolución adoptada en Honduras. Para nosotros se trata ahora de definir esa estrategia y de encontrar los canales apropiados para conectar la sociedad civil y la comunidad prodemocrática cubana con sus homologas en el hemisferio.

Manuel Cuesta Morúa

Portavoz

pubblicato da lucianoconsoli il 12/6/2009 alle 0:28
permalink      Versione per la stampastampa      Leggi i commenti e commenta questo post commenti (0)
del.icio.us   technorati   oknotizie  facebook
tags: cuba obama lula chavez fidel castro raul castro Manuel costa Morua
Sfoglia maggio   <<  1 | 2  >>   luglio
lucianoconsoli

Creative Commons License
Le foto dell'autore presenti in questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons che ne impedisce l'utilizzo per fini commerciali.

Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Feed ATOM di questo blog


Ultimi commenti
3/15/2014 4:54:46 PM
un ricordo e un consiglio - Buenas días.Mi nombre es Carlos Ignacio Zenteno Corona y le escribo de la productora Quetzal Films, ...
5/12/2011 9:24:21 AM
giù le mani da Real de Catorce - caro signor Consoli,mi perdoni se le scrivo qui ma non ho trovato un suo indirizzo mail. sono un ...
5/4/2011 7:38:05 PM
Bin Laden "terminato" - Buongiorno, chiedo scusa per l'intromissione e per l'OT, ma vorrei fare una domanda: potrebbe ...
1/20/2011 1:44:00 PM
Cuba: rimossi due ministri per "errori e deficienze" - ciao cugino..sono Claudio..un abbraccio e buon compleanno..e viva Nonno Peppe
12/6/2010 4:34:15 AM
Altro che bottegai. - The indices and rim of the stop replica watches abnormal punch - at the six o'clock position - are ...
In onda su RED

www.redtv.it
Cerca
Calendario