Blog: http://lucianoconsoli.ilcannocchiale.it

Anche i ricchi piangono

"La crisi si fa sentire anche nel mondo dei super-ricchi.  A guidare la pattuglia dei plurimiliardari c'è il fondatore di Microsoft, Bill Gates, che è tornato ad essere l'uomo più ricco del mondo, secondo la tradizionale classifica stilata dalla rivista americana «Forbes».  Tra i ricchi più colpiti, quelli di Russia, India e Turchia. Bill Gates invece con i suoi 40 miliardi di dollari ha riguadagnato la vetta della classifica, seguito dall'americano Warren Buffet, con 37 miliardi, e dal magnate messicano delle telecomunicazioni Carlos Slim con 35. Tutti, comunque, hanno accusato il colpo portato dalla crisi: Gates solo un anno fa era accreditato di una fortuna pari a 58 miliardi, Buffet di un patrimonio superiore ai 60 miliardi e Carlos Slim di 62 miliardi di dollari. Secondo Forbes, solo questi tre miliardari avrebbero perso complessivamente in un anno una ricchezza pari a 68 miliardi di dollari. Il magazine sostiene che nell'ultimo anno i miliardari del mondo hanno perso circa 2mila miliardi di dollari, circa 1560 miliardi di euro. I ricchissimi del pianeta un anno fa erano 1.125, oggi sono 793. New York è tornata a rimpiazzare Mosca come la città in cui vivono il maggior numero di super ricchi (55), mentre Mosca, che un anno fa aveva 87 supermiliardari, oggi ne conta 32. A New York però l'unico che non ha accusato perdite nell'ultimo anno è stato il sindaco Michael Bloomberg, il cui patrimonio sarebbe cresciuto da 11,5 a 16 miliardi. " (corsera) 

Mi sembra che la notizia sia degna di nota e meriti qualche rapida considerazione:

1) anche i ricchissimi accusano il colpo ma hanno scorte sufficienti per intere generazioni. Ciò non toglie che saranno i più attivi nello scaricare sulla comunità ulteriori altre perdite.

2) non sono solo gli americani ad essere colpiti, anzi, sembra che le nuove potenze Russia, Turchia e india se la passino un pochino peggio. Della Cina ovviamente non c'è dato sapere la ricchezza degli oligarchi del regime, ma di certo non saranno felici neanche loro.

3) Ho calcolato che con un decimo dei patrimoni dei primi tre ricchi (112 miliardi di dollari, quindi 11,2 miliardi) si potrebbero sfamare per un anno 30 milioni di esseri umani ( con 1 dollaro al giorno ).

Ma questo non fatelo sapere a quei 30 milioni di uomini, donne e bambini, altrimenti saranno guai.

Pubblicato il 12/3/2009 alle 18.23 nella rubrica Povera Italia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web