Blog: http://lucianoconsoli.ilcannocchiale.it

Non lasciamoli soli

Per la prima volta ben 69 tra partiti, organizzazioni, cooperative e associazioni cubane hanno sottoscritto un documento comune che hanno inviato all'Unione Europea in occasione dei prossimi colloqui che si avvieranno tra questa e le autorità cubane. E' una straordinaria notizia, che certo non leggerete sui giornali, ma che segna una svolta per Cuba. Non solo per l'unità raggiunta tra tanti diverse organizzazioni, ma soprattutto per i toni del documento. Ne ho fatto una traduzione molto rapida, forse non perfetta, ma certamente sarà sufficiente per capire di cosa stiamo parlando. La nuova Cuba indica una via per la democratizzazione dell'isola, pacifica e graduale, di grande responsabilità e amore per la propria Patria. Per chi tuttora viene arrestato e represso senza complimenti, un simile atteggiamento dimostra una grande maturità. Non lasciamoli soli, e se potete divulgate il comunicato.

Mensaje a los 27

La Habana, 12 junio de 2009.

" L'Unione Europea, UE, valuterà a metà di giugno la sua messa a fuoco verso Cuba come parte della nuova politica di Dialogo Critico e Costruttivo, definita in giugno del 2008 per accordo unanime dei 27 paesi membri.  
 
Questa politica di Dialogo trattiene varie messe a fuoco dentro una strategia da normalizzazione esterna di Cuba, basata nella sua omologazione internazionale in termini di rispetto ai diritti umani, democratizzazione e pluralismo politico. Il primo di queste messe a fuoco significa incrementare il dialogo politico con le autorità cubane al più alto livello. Il secondo, attivare la cooperazione e collaborazione con Cuba in tutte le aree; il terzo, mantenere ed approfondire, anche al più alto livello, il dialogo e la cooperazione con la società civile e le comunità democratiche indipendenti, e la quarta, e finale, avanzare con le autorità cubane l'agenda globale dei diritti umani e le libertà fondamentali, quello che include il prioritario tema dei prigionieri politici e di coscienza.     
 
Le organizzazioni che sottoscrivono questo Messaggio ai 27 sono d'accordo, essenzialmente, con questo Dialogo Critico e Costruttivo nelle sue messe a fuoco e strategia. Non discutiamo l'importanza del dialogo tra l'Unione Europea e l'elite nel potere, quella che non rappresenta agli interessi della maggioranza della società, e benché fino ad ora i risultati concreti di quell'esercizio non siano stati gli attesi dalla maggioranza dei cubani e la comunità democratica globale, riconosciamo che il dialogo aperto a tutti gli attori della realtà nazionale costituisce la scommessa strategica chiave per risolvere conflitti come quello del crescente divorzio del governo cubano con la sua società, e coi modelli universali che dirigono la convivenza all'interno della maggioranza degli Stati membri delle Nazioni Unite.  
 
In realtà questo divorzio del governo cubano con Cuba, e con lo spirito e la lettera delle istituzioni globali, si è incrementato nell'ultimo anno. Repressione verso la pluralità di spazi che incoraggiano dentro la società civile, tra altri, temi tanto fondamentali come il razziale ed il sindacale; repressione verso la densa rete di sopravvivenza creata per i cubani per provvedersi di alimentazione e di altre risorse; tentativo di reinstallare pratiche razziste e discriminatorie negli hotel; rallentamento e distorsione di riforme fondamentali dalle quali dipende la sicurezza nazionale dal paese, come sono le riforme nell'agricoltura e di apertura dei servizi privati, e diniego a liberare i prigionieri politici e di coscienza, sono tutti chiari esempi delle sfide pendenti per il dialogo.  
 
Da giugno del 2008, l'UE ha avanzato visibilmente in questa direzione con le autorità cubane. A partire da questa discussione è imprescindibile, tuttavia, che l'UE approfondisca il suo avvicinamento, la sua legittimazione visibile e la sua cooperazione col tessuto della società civile cubana, quello che è essenziale per l'obiettivo strategico del nostro futuro come nazione democratica. Speriamo che l'UE estenda effettivamente, oltre alle sue relazioni con le autorità del governo, il suo aiuto ai democratici cubani, simile ai vincoli che caratterizzano le sue relazioni con la società civile nelle altre nazioni sottosviluppate.  
 
Ciò fortificherà al Dialogo Critico e Costruttivo come mezzo per un fine, e non come il fine di un mezzo. " 

Organizaciones que se adhieren al Mensaje a los 27

Reunión del Consejo de Ministros de la Unión Europea

Cuba: Evaluación del Diálogo Crítico con Gobierno cubano

1. Partido Arco Progresista

2. Partido Solidaridad Democrática

Ámbito Cívico: conformado por:

3. Grupo Mediático Consenso

4. Límite Humano

5. Comité Ciudadano por la Integración Racial

6. Club de Escritores de Cuba

7. Cubabarómetro

8. Ciudadanos por el Estado de Derecho

9. Fundación por la Libertad de Expresión

10. Red de Bibliotecas Cívicas

11. Nuevo País

12. Centro de Salud y Derechos Humanos “Juan Bruno Zayas”

13. Partido Popular Joven Cuba

14. Centro de Documentación “Jaime Guzmán”

15. ONG “Identidad por Cuba”

16. Instituto Juvenil Cristiano de Estudios Sociales

17. Movimiento Viva Cuba Libre

18. Fundación Luisa María García-Toledo

19. Delegación Nacional del Partido Republicano de Cuba

20. ONG “Mensaje de Esperanza”

21. Coordinadora Socialdemócrata de Cuba

22. Coordinadora de Presos y Expresos Políticos

23. Delegación Nacional de Unión por Cuba Libre

24. Corriente Martiana

25. Fundación Isla de Pinos de Derechos Humanos y Fomento Territorial

26. Cooperativa Independiente Ceramistas Pineros

27. Comisión de Atención a Presos Políticos y sus Familiares

28. Movimiento Liberal Cubano

29. Delegación Nacional de la FLAMUR

30. Municipios de Cuba y Derechos Humanos

31. Centro de Información Hablemos Press (CIHPRESS)

32. Consejo Nacional por los Derechos Civiles en Cuba

33. Frente Feminista Aliadas Democráticas

34. Partido Republicano Renovación Ortodoxa

35. Frente Oriental Presidio Político “Pedro Luis Boitel”

36. Alianza Fraternal Martiana

37. Frente Democrático Oriental

38. Club de Presos y Expresos Políticos

39. Comisión Nacional de Derechos Humanos “José Martí”

40. Solidaridad de Trabajadores Cubanos

41. Partido Demócrata Cristiano de Cuba

42. Movimiento Cívico “Calixto García Iñiguez”

43. Círculo Democrático Municipalista de Velazco

44. Delegación Nacional del Partido Republicano de Cuba

45. Consejo Editor de la Revista “Renacer”

46. Proyecto Cultural Pinareño “Libertad”

47. Movimiento Feminista “La Rosa Blanca de Martí”

48. Centro de Distribución de Literatura y Prensa de Velazco

49. Buró de Información y Prensa adscrito a la Coalición Juvenil Martiana

50. Grupo de Apoyo a la Democracia “Quinto Patio”

51. Delegación Pinareña de la FLAMUR

52. Delegación de Velazco del Partido Liberal Cubano

53. Alianza Nacional Cristiana

54. Partido Acción Concertadora Democrática

55. Confederación de Trabajadores Democráticos de Cuba

56. ONG “Cubanos Libres”

57. Comisión de Atención a Presos Políticos y sus Familiares

58. Sindicato Independiente Cambio Regional de Pinar del Río

59. Centro de Derechos Humanos Jan Karsky

60. Atención al Preso Político de Pinar del Río

61. Sociedad Civil y Bibliotecas Independientes de Pinar del Río

62. Sindicato Independiente de Conductores de Bicitaxis

63. Sindicato Independiente de Zapateros

64. Sindicato de Trabajadores Independientes

65. Movimiento de Resistencia y Desobediencia Cívica “Mario Chanes de Armas”

66. Comisión Nacional Cuba

67. Colegio de Pedagogos Independiente de Cuba

68. Confederación de Trabajadores Independientes

69. Biblioteca Independiente “Hermanos al Rescate”

Pubblicato il 14/6/2009 alle 21.56 nella rubrica Mi casa es tu casa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web